Seleziona una pagina

Presidents Cup

presidents cupLa Presidents Cup è una competizione golfistica a squadre, giocata da una selezione dei migliori giocatori degli Stati Uniti e da un team internazionale che rappresenta il resto del mondo eccetto l’Europa; ricordiamo che analoga competizione tra l’Europa e gli Stati Uniti è la Ryder Cup.

La Presidents Cup si svolge ogni due anni inizialmente negli anni pari, con la Ryder Cup che veniva disputata negli anni dispari, la cancellazione della Ryder Cup 2001 a causa dei attacchi dell’11 settembre ha ritardato lo svolgimento di entrambi i tornei di un anno, e la Presidents Cup si tiene ora negli anni dispari, la competizione è ospitata alternativamente negli Stati Uniti e nei paesi rappresentati dal team internazionale.

La formula di gioco della manifestazione è match play e ricalca sotto molti aspetti quella della Ryder Cup, ogni team è composto da 12 giocatori per squadra e da un capitano non giocatore, di solito una figura di rilievo nel golf.

I capitani sono responsabili degli abbinamenti delle squadre nelle gare di doppio, a differenza della Ryder Cup, tutti e 12 i giocatori devono giocare foursome e fourball le partite del giovedi e del venerdì (sei partite per sessione, a differenza della Ryder Cup quattro partite).

Nelle giornate del sabato e della domenica si disputeranno invece i match individuali.

Ogni partita, sia che si tratti di un incontro di doppio o singolo, vale un punto.

Nel doppio mezzo punto è assegnato a ciascuna squadra in caso di pareggio in totale i punti da assegnare sono 34 , per vincere la Presidents Cup una squadra deve maturare un totale di 17,5 punti.

La formula della Presidents Cup si differenzia dalla Ryder Cup principalmente dal fatto che include sei partite in più, il che impedisce ad una squadra eventuali strategia basate sull’utilizzo dei giocatori, essendo tutti i 24 giocatori impegnati per tre giorni.

Fino al 2005, prima dell’inizio del giorno delle partite finali, i capitani selezionavano un giocatore che doveva giocare un tie-break in caso di parità al termine delle partite regolamentari.

Nel 2003 però, il match di tie-break si concluse dopo tre buche a causa dell’oscurità, e si decise di assegnare la vittoria ad entrambe le squadre.

A partire dal 2005 quindi i due capitani Gary Player e Jack Nicklaus concordarono che solo le partite giocate fino al sabato potevano terminare in parità mentre quelle della domenica dovevano continuare ad oltranza (altre la buca 18 in caso di parità) fino a dichiarare un vincitore.

Disputando con questa formula la giornata finale, viene dichiarata vincitrice la squadra che per prima raggiunge il totale 17,5 punti richiesti.

Una volta che una squadra raggiunge 17.5 punti, tutti i restanti incontri di singolare si giocheranno solo sulle 18 buche e potranno finire in pareggio.

L’evento è stato creato ed è organizzato dalla PGA Tour, alla Presidents Cup inaugurale del 1994, l’ex presidente degli Stati Uniti Gerald Ford ne era il Presidente Onorario.

Non vi è alcun premio in denaro assegnato ai giocatori in tale competizione, essendo il ricavato della manifestazione interamente devoluto in beneficenza.