Seleziona una pagina

Rolex Oyster Perpetual Explorer

Cattura 600x420La conquista dell’Everest è, come tutti sanno, una delle grandi conquiste dell’alpinismo.

La vetta inviolata venne finalmente raggiunta il 29 maggio 1953 dalla spedizione guidata da sir Edmund Hillary e dallo sherpa Tensing Norgay.

I due uomini portavano al polso un Rolex Oyster Perpetual.

Prima di loro, l’Everest aveva scoraggiato decine di scalatori, animati dal desiderio di calcare il «tetto del mondo».

 

Elogio della tenacia

Nato da questo capitolo leggendario dell’avventura umana, l’Explorer continua, ancor oggi, a raccontare il nostro inestinguibile bisogno di successo, a riunire quei valori di tenacia, esperienza e creatività, a celebrare in modo esemplare i legami tra sviluppi tecnici e frutti dell’esperienza, tra pensiero e azione.

 

Il mondo come laboratorio

Rolex incarna la relazione privilegiata che da sempre esiste tra Rolex ed il mondo.

Dalla fine degli anni ‘20 Rolex considera quest’ultimo come un grande laboratorio naturale dove verificare l’affidabilità dei propri orologi. Con vero spirito di pioniere, la Casa di Ginevra ha equipaggiato numerose spedizioni himalayane le cui osservazioni hanno influito sullo sviluppo del prodotto.

 

Una cassa da 39 mm

Il nuovo Oyster Perpetual Explorer ripropone questa nobile tradizione con un’intensità che si ispira al mondo di oggi dando un nuovo slancio alle linee sobrie ed eleganti che l’hanno portato da tempo ad essere considerato un’icona. Scolpito in un blocco di acciaio 904L, con eccezionali proprietà anticorrosione, si fregia di una cassa 39 mm, leggermente allargata, che offre un maggiore comfort ed è particolarmente apprezzabile sul piano estetico.

 

Nuove vette di precisione

Con un movimento meccanico a carica automatica (rotore Perpetual), spirale Parachrom e antiurto Paraflex, l’Oyster Perpetual Explorer raggiunge nuove vette di precisione cronometrica e di resistenza in condizioni estreme imponendosi come un vero strumento di misurazione del tempo affidabile e robusto.