Seleziona una pagina

Solheim Cup

la coppa

La Solheim Cup

La Solheim Cup può essere definita la versione femminile della Ryder Cup, si svolge infatti ogni due anni tra golfiste professioniste rappresentanti gli Stati Uniti e l’Europa.

Prende il nome dal suo ideatore, il norvegese Karsten Solheim, che ha avuto un ruolo fondamentale nella nascita del torneo.

La competizione ha avuto inizio nel 1990 e si è disputata negli anni pari fino al 2002, alternandosi quindi con la disputa della Ryder, ma dopo l’attentato alle Twin Tower di New York, che causò lo spostamento all’anno successivo del trofeo maschile, la Solheim Cup cominciò ad esser giocata negli anni dispari a partire dal 2003.

La squadra statunitense viene selezionata mediante un sistema a punti, ricevuti dalle prime venti classificate nei tornei del  LPGA Tour, la squadra europea fino al 2005 era formata da sette giocatrici selezionate anch’esse con i punteggi acquisiti nel  Ladies European Tour (LET), dal 2007 invece questo numero si è ridotto a cinque unità, questo a causa del sempre maggior numero di golfiste europee che partecipano alle gare del LPGA Tour.

Il capitano di ogni squadra, ha la possibilità di completare la rosa, con giocatrici scelte a propria discrezione, il capitano è in genere una golfista professionista con esperienza nella competizione e scelta per le proprie capacità di poter condurre una squadra alla vittoria.

Anche la Solheim Cup come la Rayder si svolge nell’arco di tre giorni e dal 2002 gli incontri da disputare sono 28, di cui 12 gare singole, 8 foursomes ed 8 quattro palle.

Particolarmente avvincenti i 12 match play che si svolgono l’ultimo giorno di gara e che spesso determinano il risultato della competizione.

bandiere